Crociere ed escursioni
205
page-template-default,page,page-id-205,page-parent,page-child,parent-pageid-190,bridge-core-2.5.9,qode-page-transition-enabled,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-theme-ver-25.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

   

Veleggiata nei dintorni di Porto Venere

Il litorale Est della Liguria, ricca di panorami suggestivi si mostra alla prua del Melina che solca le onde del suo mare. Superate le 5 Terre ci troviamo sotto la roccia rossa dove l’acqua è invitante per un bagno e poco dopo entriamo nello stretto a ridosso del promontorio dove si erge la famosa e splendida chiesa che fa corpo unico con la roccia grigio-bianca e dalla parte opposta la Palmaria e l’isola del Tino. Il golfo di La Spezia è un’area perfetta per fare vela e imparare  a governare le vele col vento che si incanala tra le colline. Per noi quest’area di mare diventa un campo di lavoro e di lezioni di vela e qui spesso i miei ospiti godono il divertimento e l’impegno imparando e migliorando le loro competenze in fatto di nautica e governo della barcavela.

le nostre crociere in Sardegna

Per parlare delle crociere nell’area di mare della Sardegna occorre fare una premessa e avere le idee chiare su quale zona visitare in quanto tutta la Sardegna è splendida e vasta. La prima cosa su cui riflettere è ” quale tratto di costa voglio visitare NordEst- NordOvest- Est- Sud- SudEst – SudOvest – Ovest?” e la seconda domanda da farsi è ” quanto tempo ho a disposizione.

Detto questo è necessario considerare due aspetti: 1) rotta con partenza da Genova 2) rotta con partenza dai porti sulle isole Corsica o Sardegna.

Salpando da Genova facciamo tappa all’isola Capraia la perla in mezzo al Mediterraneo che dista 85 miglia. Per alleggerire la traversata faremo tappa a Porto Venere, la cittadina che chiude il confine della Liguria Est. Da qui ci sono cica 65 miglia che possono essere coperte a vela in circa 10 ore (sperando nelle clementi condizioni meteorologiche e magari sfruttando un buon maestrale o un buon scirocco.

Poi con soli circa 20 miglia raggiungiamo la Corsica e in base alle condimeteo decideremo se proseguire lungo la costa Est Oppure Ovest della Corsica. (la descrizione della crociera in Corsica è trattata nella sezione specifica).

Sardegna Nord-Est – crociera Elicriso

L’Arcipelago della Maddalena si presenta a noi in tutta la sua bellezza dopo aver incontrato l’isola Cavallo e Lavezzi, nella parte orientale del canale di Bonifacio. Attenzione! In tutto l’Arcipelago della Maddalena la navigazione è consentita tramite il permesso che può essere pagato online ( con lo sconto). Così incontriamo L’isola di Razzoli e gettiamo l’ancora in mezzo a quell’anfiteatro di colori delle isole Razzoli, Santa Maria e Budelli. Questo è un luogo ben protetto dai venti tranne che da quello di ponente. Seguiamo la nostra rotta verso l’isola di Caprera e gettiamo l’ancora a Cala Coticcio per sostare durante la notte ben ridossati dai venti di I°, III° e IV° quadrante.

Alla mattina si accende il Paradiso ! C’è l’imbarazzo della scelta perchè le numerose cale e baie si presentano di fronte alla prua di Melina!.  

Sull’isola della Maddalena visitiamo Cala Portese, Cala Garibaldi e altre altrettante interessanti e tra un bagno e l’altro ci spostiamo all’Isola di Santo Stefano e infine a cala Gavetta per una serata al ristorante della Maddalena.

Le altre nostre mete della costa Smeralda  comprendono Porto Rotondo, Cala Cugnana, Portisco, cala Volpe, Golfo Aranci La Tavolara Molara, Coda Cavallo etc.

Non è semplice descrivere la bellezza di quest’area di mare e di terra dove le emozioni sono all’ordine del giorno. Bisogna viverle!

BENVENUTI A BORDO DI MELINA

La Sardegna Est – la crociera Tulip (orientale)

A bordo di Melina le giornate e le serate sono quasi infinite come lo sono il ricordo delle belle vacanze che trascorrerete in buona compagnia. Questa è una di quelle crociere che non vorremmo terminare mai. A volte qualche equipaggio, attratto dalle magiche bellezze della Sardegna, decide di prolungare il suo soggiorno e allora puntiamo la prua verso Sud-Est o addirittura per circumnavigare l’isola perchè non si finisce mai di scoprire le incantevoli località che si incontrano. Ma la Sardegna non è solo mare ed allora noi organizziamo escursioni di grande interesse anche su terra ferma con i mezzi fuoristrada per scoprire la natura incontaminata di Su Goruppu, Gennargentu, Sopramonte Orgosolo, la Barbagia e l’Ogliastra.

Insomma questa crociera inizia a Olbia e mostra agli ospiti il tratto di costa orientale del golfo di Orosei costellata di splendide spiaggette e baie come Cala Luna , Sisine, Mariolu, Cala Goloritze, e poi Santa Maria Navarrese ed Arbatax. In questo tratto vi porterò alla grotta di Baunei alla quale si accede solo via mare . E’ un percorso molto interessante in una alta grotta paleolitica dove il gruppo speleologico vi farà da guida. A Cala Gonone , invece, sono in grado di organizzare una gita in terra ferma sulle impervie gole del Gennargentu a bordo di fuoristrada con la guida specializzata che vi informa sulle peculiarità del territorio. Al rientro vi sorprenderà il pastore che avrà preparato per l’occasione il maialetto arrosto cucinato sulle legna del camino (indimenticabile con musiche, cori e balletti tipici sardi).

La crociera continua sulla rotta verso il sud incontrando le spiagge Ginepro, Cala Sinzias fino arrivare a Villa Simius, la punta piu’ estrema a sud-est dell’isola. A Punta Molentis e a Cala Junco potremo decidere se rimanere per la notte nella baia oppure entrare nel porto che ha ottimi servizi. Normalmente gettiamo l’ancora nell’avanporto molto protetto.

La Sardegna Sud – la crociera Amarillus

Da Villa Simius fino all’isola di S.Pietro l’area di mare che comprende il grande golfo di Cagliari, patria degli allenamenti di Luna Rossa e il suo famoso team.

In questo golfo il maestrale arriva da terra e quindi all’uscita di Cagliari si va di lasco, ma al rientro la rotta consigliata è quella che orienta la prua verso VillaSimius per godere di un Traverso e poi virare di bolina stretta verso il porto. Navigando verso ovest si raggiunge la baia di Santa Margherita di Pula e poi si continua verso il capo Spertivento dominato da uno splendido strapiombo di roccia su cui si erge il faro e subito dopo un angolo meraviglioso protetto da tutti i v enti . Si chiama Tueredda dove si dà anora in circa 10 meetri di profondità sul fondo tra macchie di sabbia e Poseidonia. Sulla splendida spiaggia bianca di sabbia sottilissima troviamo due bar ben attrezzati dove si mangia pure bene. Si accede a terra solo a remi! La baia di Malfatano è subito di fianco e anche qui una piccola struttura ci ospita per un pranzo a base di pesce; assicurata la qualità! La crociera continua versoTeulada, un porticciolo carino dove arrivano tutte le mattine i pescatori con il loro pescato ( solo alle 6,30) che si può acquistare. La carta nauitica ci indica l’immancabile paradisiaca baia di Zafferano ( chiamata “porto”) di giurisdizione militare. Si può accedere ma senza scendere a terra e in base all’ordinanza aggiornata che spesso lascia il traffico turistico solo in luglio e agosto. quando si lascia la baia occorre fare attenzione e star ben al largo dagli scolgi di sudovest che sono molto insidiosi e a pelo d’acqua. Orientiamo la prua verso un’altrettanta area di mare denominata Porto Pino; lasciando la barca all’ancora possiamo percorrere col tender il suggestivo canale interno (non visibile dal mare) ed entrare nel paesino turistico; siamo ancora lungo la costa della grande isola perchè ci troviamo a ridosso della penisola di Sant’Antioco disseminata di varie baie meritevoli di visita. Dall’isola La Vacca solitamente la direzione e intensità del vento cambia perchè ci troviamo di fronte il maestrale, ma tra 15 miglia saremo a Calasetta , il capoluogo con una struttura architettonica biancheggiante che ci ospita per la serata . Passeggiare nelle viuzze del paesino è suggestivo e si può approfittare per concederci una serata al ristorante ( devo dire non proprio a buon mercato).

Sardegna Ovest – la crociera Corsara

Va dall’isola di S. Pietro fino ad Alghero costeggiando la parte occidentale dell’isola, una zona selvaggia e battuta dal maestrale. S. Pietro è l’isola piu’ a sud ovest della grande isola e la sua storia risale a circa 280 anni fa quando un gruppo di Liguri sbarcarono qui dopo una lunga sosta infruttuosa sulla costa africana, dove erano migrati per cercare aree di mare piu’ ricche di pesce. Consolidarono dunque sull’isola di S. Pietro la loro cultura, le abitudini e l’archietettura delle case e naturalmente esportando la loro lingua, rimasta nel tempo a scandire la tipicità dell’isola. Arrivare a Carloforte, capoluogo dell’isola, occorre prestare molta attenzione per i vari scogli nell’area prospicente l’entrata del porto. Si trova  di fronte sulla rotta 304° . Nel porticciolo troviamo una bella ospitalità (ormeggiatori e direzione). La circumnavigazione dell’isola di S.Pietro ci mostra alcuni scorci di bellezza naturale unici come la baia Mezzaluna, il Porto Flavia , antica struttura a picco sul mare dedito al’industria mineraria ( ormai definitivamente chiusa). Noi ormeggiamo proprio lì sotto in un mare blu intenso prima di procedere per risalire la costa Ovest dove incontreremo la splendida Cala Domestica, Piscinas, Torre dei Corsari, quest’ultima fruibile all’ancora solo con mare calmo per concederci un bagno nella grande baia di fronte allo spiaggione. Così facciamo e poi recuperata l’ancora e issata la Randa sfruttiamo di bolina il maestrale Fino alla baia di Santa Cristina e Bosa dove ci fermeremo nel porticciolo. La crociera terminerà ad Alghero , un tempo roccaforte degli Aragonesi che hanno lasciato il loro ricordo attraverso la storia e le mura ancora perfettamente conservate. Diventa d’obbligo la visita ai bastioni che alla sera illuminano le antiche viuzze popolate di turisti.

.

La Sardegna Nord-Ovest – la crociera Lillium

Quell’angolo selvaggio e naturale dell’Asinara è la nostra meta con i dintorni selvaggi incastonati nella rada La Pelosa .

Uscendo dal profondo porto di Alghero verso i “Fornelli” dobbiamo fare attenzione allo stretto passaggio e rispettare le Mede a terra che precisano l’orientamento con i riferimenti precisi posti sulla terraferma se vogliamo in tutta sicurezza passare e ritrovarci nello spazio di mare della Pelosa, una macchia azzurro-smeraldo di acque con bassi fondali circondate da spiagge bianche. Cala Oliva e Cala Grande sono le altre mete dove ormeggeremo per la notte e dove scenderemo a terra per visitare a piedi o sul fuoristrada che potremo prenotare per un giro della penisola. Gli asinelli bianchi e i cavallini dell’Asinara sono allo stato brado, lasciati a pascolare liberamente. Poco distante dal porticciolo saliremo la strada che ci porta all’Ossario Asburgico, una cappella lasciata a testimonianzza della breve  e cruenta guerra. Proseguiamo la nostra crociera verso est e lungo la costa incontriamo la Gallura.

I Corsicari

La crociera in Costa Azzurra

Le isole Porquerolles.

La Crociera inizia con l’imbarco al Marina di Genova e dirigeremo la prua verso il ponente nei porti di Loano, Imperia, Mentone, Cannes, Antibes, S.Tropez. Alcune notti ormeggeremo in rada ad es. Ville France e ovviamente Hieres /Porquerolles.

Melina è una barca molto ben equipaggiata sia dal punto di vista velico ( Randa, Genoa, Gennaker, Trinchetta) sia dal punto di vista del comfort perché è dotata di Generatore , pannello solare, doppia strumentazione, cuscineria e prendisole, tender + fb 4CV, doppia ancora e la cucina attrezzata per assicurare a chi lo desidera di cimentarsi nell’arte culinaria. [Visita la voce “Barca e attività-Melina”]. www.navigareinamicizia.com]

Nota: dato che la distanza da percorrere tra Genova e Porquerolles è di circa 160 miglia occorrono circa 3 giorni per l’andata e altrettanti per il ritorno e pertanto ecco la scelta con due opzioni:

  1. Con la prenotazione di 1 settimana si suggerisce di effettuare lo sbarco a Hieres e da qui il rientro dalla Costa Azzurra con mezzi di terra/aria.
  2. Con prenotazione di 2 settimane l’imbarco e lo sbarco è previsto a Genova , salvo richiesta specifica dei partecipanti.

Alle isole Porquerolles ci sono molti ridossi con acque cristalline che soddisferanno le vostre aspettative per la vostra vacanza.Immagine cartografica Costa Azzurra

Le nostre crociere in Liguria

 Ligure Ovest

Percorreremo circa 80 miglia percorse dopo aver lasciato gli ormeggi del Porto di Genova. Incontriamo Varazze, Loano , Alassio, SanRemo Imperia. L’accoglienza e la sistemazione come pure le locations sono eccellenti. Varazze ( bella passeggiata con vari locali attraenti) Loano (Yachting Club ormeggio a springer). La prua del Melina prende di nuovo il largo sotto un cielo a volte plumbeo con destinazione verso l’isola Gallinara poco distante.  Spieghiamo le vele e via in direzione San Remo dove approderemo a Porto Sole.

marinai in crociera

marinai in crociera

La crociera Tigullio Welness.

Sulle note jazz del pianista introduciamo la cosidetta perla del Mediterraneo, incastonata a catena con le altre lungo la costa del Levante Ligure. Sono le località di Portofino, S. Fruttuoso e SantaMargherita, le 5 Terre ( Monterosso, Vernazza, Manarola, ………….. sulla rotta Genova-LaSpezia

img-20161022-wa0007

Dopo la visita di Sestri levante con il suo castello dove un aperitivo in terrazza è irrinunciabile con vista sulla baia del silenzio, giungiamo a Porto Venere dove diamo ancora proprio di fronte al paese, che possiamo raggiungere con il tender. Merita una visita a terra la cattedrale e dall’alto il colpo d’occhio spazia dal golfo dei Poeti verso l’orizzonte. Ci si deve armare di macchina fotografica perchè è praticamente impossibile non fissare lo scenario favoloso che si prensenta davanti a voi con il suo tramonto che dipinge di sfumature colorate l’ambiente terra-mare.

Chi vuole migliorare le proprie conoscenze di conduzione della barcavela qui trova l’area di mare adatta e cimentarsi sotto la mia guida intorno all’isola del Tino dove il buon vento dà l’opportunità di addestramento.

Le nostre crociere nell’Arcipelago Toscano

da Capraia , Corsica, Elba Giglio, Argentario.

Le emozioni si possono raccontare, ma viverle sono un’altra cosa! Se poi siete a bordo di Melina, allora le fisserete per sempre tra i bei ricordi. Voglio raccontarvi in una manciata di secondi l’emozione di una crociera a bordo della nostra barcavela, che sicuramente ripeteremo durante la prossima estate, quindi affrettatevi subito per prenotare e godere dei migliori vantaggi.

L’indiscutibile protagonista è il mare con la sua atmosfera i suoi profumi salmastri e la vostra voglia di libertà complice con la natura di inondare di emozioni le persone che stanno intorno a voi. E’ la crociera dei Cetacei che si percorre attraversando il mar Tirreno da Genova all’isola Capraia, dove sostiamo per una notte per dirigerci poi sulla costa della Corsica Est a Portovecchio  E sotto la luna.. tutto è possibile!

img_2250

La Crociera Coriandoli

Si dice che una mano divina  dall’alto del cielo abbia lanciato alcune pietre preziose in mezzo al Mediterraneo e….fu così si formò l’Arcipelago Toscano con i colori dell’isola d’Elba, il Giglio, Giannutri, Pianosa, Montecristo e le altre.

E’ qui che vi porterò con la mia barcavela Melina -Oceanis Beneteau 411 .

Arriverete al Marina di Genova, e lì lascerete la vostra auto parcheggiata vicino alla barca e comodamente potrete trasferire i vostri bagagli a bordo. Se arrivate la sera prima avremo tutto il tempo per organizzarci con l’approvvigionamento della cambusa ed essere così pronti  per lasciare gli ormeggi la mattina successiva per iniziare la crociera.

Faremo un Briefing sulla sicurezza ed altre informazioni di natura organizzativa.

Salperemo alle h 8-9 con direzione Portofino-PortoVenere e lì sosteremo per la notte in rada o in porto. La località è molto bella da visitare e per sgranchirsi le gambe, oppure poco piu’ avanti ( circa 2 miglia) potremo dare ancora nella baia delle Grazie ( panorama molto bello).

Proseguiremo la crociera ripartendo verso le 7 a.m  per ricoprire circa 75 miglia così i 3 giorni successivi li potremo dedicare alla circumnavigazione dell’isola d’Elba.

Seguendo il consiglio del comandante prenoteremo per piu’ di 7 giorni ( almeno 10-12) e continuare la crociera dell’Arcipelago toscano e visitare le isole di Giannutri e Giglio . Per andare all’isola di Montecristo come alla Gorgona occorre un permesso speciale. Per questo occorre richiedere il permesso( almeno 15 giorni in anticipo ed è  molto costoso) alle Autorità portuali di Livorno. Per l’isola del Giglio occorre prenotare in tempo per ottenere un posto barca all’interno del piccolo porticciolo, ma ne vale la pena. E’ quasi obbligatorio entrare la sera in porto perchè non è molto facile l’ormeggio esterno e con mare mosso o condimeteo poco rassicuranti è pericoloso. La località è molto carina ed è piacevole trascorrere qualche ora in qualche bar/pub per bere un goccetto di buon Rhum. Sull’isola consiglio di fare una salto alla gelateria che è stata premiata a livello europeo per il suo prodotto preparato artigianalmente.

La costa dell’Argentario si presenta a noi col suo fascino veleggiando di giorno fino alla sera quando ormeggeremo a Cala dè Medici , un porto sicuro e molto ben attrezzato con tutti i comfort e servizi.

Questa è una crociera adatta sia a Sportivi che vogliano implementare le proprie conoscenze di conduzione della barcavela, sia per famiglie con figli. Poichè la barca è munita di Tender con motore fuoribordo che vi consentirà di raggiungere la spiaggia o il porticciolo nel caso in cui saremo ancorati in mezzo alla rada.

Tutte le dotazioni di bordo sono a disposizione e la barca essendo molto ben equipaggiata anche con accessori di cucina che consentono di garantire la possibilità di cucinare a bordo.

Il pannello solare e il generatore elettrico sono  importanti accessori per le emnergie di bordo e consentono comodamente di rimanere ancorati per la notte nella baia