Navigare in Amicizia | collettore di scarico- fatelo in inverno
5719
post-template-default,single,single-post,postid-5719,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

collettore di scarico- fatelo in inverno

collettore di scarico- fatelo in inverno

IMG_1516 IMG_1513 Quando fate un pò  di manutenzione e magari vi dedicate al motore (il mio è un MD22P B-Volvo Penta, che come ben saprete è un Perkins marinizzato dalla Volvo), può succedere di imbattersi in situazioni imprevedibili che apparentemente sembrano non avere una semplice ed immediata spiegazione. Parlo a quegli armatori che amano  il “Fai da te”  invitandoli a dare un’occhiata alle fotografie che vi mostro. I residui in gomma della girante che per uno strano effetto si sono accumulati all’interno dello scambiatore di calore/collettore (detto reiser.) e le pericolose incrostazioni nel sistema di raffreddamento del motore.

Osservate le incrostazioni  nei fori del collettore che in queste condizioni impediscono il normale e corretto flusso d’acqua del sistema di raffreddamento del motore. L’ostruzione potrebbe causare il blocco  del motore magari mentre siete in alto mare.

E guardate anche le incrostazioni carboniose (foto sotto) che riducono il lume del passaggio d’acqua . Vuol dire che il motore non sarà ben raffreddato e subirà un surriscaldamento. [io ho avuto qualche segnale di questo malfunzionamento in navigazione perchè il surriscaldamento faceva scattare il relais che si trova proprio sul motore . Questo funziona come una “termica” che mette in black-out gli strumenti della consolle ( per intenderci la  lancetta del volume di gasolio, quella della temperatura e  della pressione dell’olio sono andati a fondo scala-zero). Quando si raffreddava il motore era sufficiente riattivarlo manualmente].IMG_1526 ridottaIMG_1354

qui sono mostrati i pezzi nuovi o ripuliti. ( il raiser è un manufatto in acciaio fatto a mano) IMG_1525   Dopo questa manutenzione è tutta un’altra cosa. E’ una manutenzione necessaria che suggerisco di fare ogni 3-5 anni. Sottolineo che la mancanza di raffreddamento al motore che alcuni utilizzano molto spesso ad alti regimi di giri potrebbe procurare un guasto al motore stesso che necessita successivamente di un intervento economico costoso.

Pierstefano Vernaschi
info@navigareinamicizia.com

Pillole autobiografiche: Biologo, fotografo, scrittore, velista, motociclista, paracadutista, amante della vita e della bellezza, della natura e della donna, della pace, del rispetto, dell'onore, della coerenza, del lavoro, del mondo, della creatività, della gentilezza, dell'onestà... e naturalmente della VELA

1Comment
  • Sticky
    Posted at 10:51h, 29 Marzo Rispondi

    Pleasing you should think of soenihtmg like that

Post A Comment