Navigare in Amicizia | il banzigo d’emergenza autocostruito per salire in Testa d’albero da solo.
3119
post-template-default,single,single-post,postid-3119,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

il banzigo d’emergenza autocostruito per salire in Testa d’albero da solo.

il banzigo d’emergenza autocostruito per salire in Testa d’albero da solo.

Recentemente sono stato vittima di un furto. Mi hanno sottratto il giubotto autogonfiabile e l’imbragatura del banzigo. Il primo lo ricomprerò ma siccome ho la necessità di salire in testa d’albero per fare un pò di manutenzione alle pulegge e all’antenna mi sono dato da fare e ho costruito il banzigo ed ecco come l’ho realizzato.

Ho mantenuto le due GRI-GRI ( manopole Petzl per risalita in cordata quelle utilizzate in speleologia e in scalata) . la prima è utilizzata per la spinta dei piedi ed è costruita con una fettuccia che ha una forza di 2000 kg ed ha una pedana per appoggiare i piedi stessi. l’altra Gri-Gri serve per la linea che viene utilizzata per il Banzigo.

Per quest’ultimo ho utilizzato cinghie/cinture di sicurezza delle auto ( recuperate in uno sfasciacarrozze) e un tagliere di Nylon ( comperato all’IKEA). Costo complessivo 12 euro. Ovviamente ho fatto passare le cinghie rosse al di sotto del piatto di nylon per garantire un’ assoluta sicurezza della seduta.

Certamente mi ricomprerò l’imbragatura della Petzl, ma nel frattempo la soluzione provvizoria mi ha consentito di risolvere il problema .

Secondo il movimento del “verme” si sale comodamente in TA in autonomia e quindi senza l’aiuto di altre persone. Io personalmente utilizzo due drizze ( e anche una cintura di sicurezza ad ombelico)

Pierstefano Vernaschi
info@navigareinamicizia.com

Pillole autobiografiche: Biologo, fotografo, scrittore, velista, motociclista, paracadutista, amante della vita e della bellezza, della natura e della donna, della pace, del rispetto, dell'onore, della coerenza, del lavoro, del mondo, della creatività, della gentilezza, dell'onestà... e naturalmente della VELA

2 Comments
  • Tore Lai
    Posted at 21:56h, 29 Ottobre Rispondi

    non ho capito come si può salire in TA da soli. Com’è il movimento “del verme”?

    • stevern-sail
      Posted at 23:28h, 29 Ottobre Rispondi

      sposti la pinza del banzigo e quando ti siedi sposti successivamente la pinza del poggia piedi. Ti punti sui piedi in modo tale da liberare il peso del banzigo che a questo punto risposti più in su …e così via. Sono due moiventi sincroni. Quando scendi, stando attento a non sfilare la pinza , agisci sulla levetta prima uno e poi l’altra. Con un pò die sercizio ti sarà molto facile. Non dovrai chiedere l’aiuto di nessuno. Normalmente il verme avviciina le due estremità e poi le ridistende e continua in questo modo. Buon vento

Post A Comment